17 Ago 2021

Piergiorgio Odifreddi

Dostoevskij, letterato ingegnere

“Dostoevskij è uno degli pensatori che più hanno forgiato il pensiero che ci rende ciò che siamo, almeno oggi e in Occidente. In particolare, le sue opere letterarie hanno presentato una visione del mondo esistenzialista, che va ancora per la maggiore negli ambienti umanisti, filosofici e religiosi. Benché lo scrittore avesse fatto studi scientifici, e fosse in realtà un ingegnere, il suo atteggiamento era però fortemente critico nei confronti della scienza. Per sapere cosa saremo, dovremo dunque sfrondare i suoi romanzi di quell’atteggiamento anti-scientista, e andare nella direzione di una cultura che sia in grado di combinare insieme l’umanesimo e la scienza”.

Credo in un solo Dio, la Natura, Madre onnipotente, generatrice del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili.Credo in un solo Signore, l’Uomo, plurigenito figlio della Natura, nato dalla Madre alla fine di tutti i secoli: natura da Natura, materia da Materia, natura vera da Natura vera, generato, non creato, della stessa sostanza della Madre.

Nato a Cuneo, Piergiorgio Odifreddi, professore ordinario di Logica all’Università di Torino, una lunga carriera di docenza e ricerca, in particolare nella teoria della calcolabilità. Il pubblico più largo lo conosce per un’attività di divulgazione della scienza e della matematica, mai disgiunta dal rapporto con la cultura umanistica e da una visione critica nei confronti della religione (Il Vangelo secondo la scienza, Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattoilici).. Esemplari le conversazioni con 50 premi Nobel poi raccolti in Incontri con menti straordinarie e i tre Festival della matematica organizzati dal 2007 al 2009 all’Auditorium di Roma. Nel suo impegno pubblico una sensibilità che lo avvicina a Bertrand Russell e Noam Chomsky, con libri come Non siamo tutti americani e Il matematico impertinente. L’ultimo lavoro, Ritratti dell’infinito/ Dodici primi piani e tre foto di gruppo, un’altra coerente testimonianza di fede nella matematica.

 

PRENOTA EVENTO 8 ottobre